Torna ai Temi di Studio

Riferimento Biblico :No

Autore :ERI

Casa Editrice :ERI

ISBN :

Anno :2013

N. Pagine :58

N. Capitoli :8

Ambito :Orientamento

Pluriannuale (N. Anni) :1

Strutturato in domande : SI

Osare il Vangelo - Accogliere gli Uomini e Prendersi Cura di Loro

Dopo Brasilia, un gran numero di Super Regioni ha trasmesso all’ERI la necessità di poter disporre di un Tema di Studio che potesse allo stesso tempo permettere una riflessione approfondita del Vangelo e costituire il punto di partenza per la missione a cui tutti siamo chiamati. In questo modo si apre un nuovo capitolo nella storia di ognuno, di ogni coppia END che diventa partecipe dell’audacia prodotta dalla Parola del Vangelo. Questa sfida è stata lanciata a livello internazionale. Subito una équipe portoghese si è mostrata generosamente interessata e impegnata a elaborare il tema che le era stato proposto. Una Comunità che fa sua la dimensione del servizio, realizza da sola un esercizio di carità nei confronti degli altri, come ci ha detto Benedetto XVI. Questo lavoro appare quindi come il risultato dell’inquietudine di questa comunità riunita nel nome di Cristo, che offre gratuitamente il suo lavoro; un lavoro che, per la sua grande ricchezza e la sua attualità, è stato immediatamente approvato dall’ERI come Tema dell’Anno. Quando “si scopre” Gesù e da Lui “ci si lascia invitare” si inizia un percorso nuovo che valorizza l’eredità che il Signore ci ha lasciato e che rende il Cammino più facile: la sua Parola. Un uomo e una donna che si amano, che sono divenuti una sola carne, fanno capire al mondo il mistero dell’Amore di Cristo e dell’umanità, che da questo Amore è salvata. Nel corso del nostro itinerario, Gesù ci propone un lavoro interiore di trasformazione personale e nel corso del viaggio di ognuno, il cammino si compie tappa dopo tappa, scandito dalle singole riunioni. L’alleanza che la coppia stringe con Gesù è la garanzia che il vero amore resiste e rappresenta la risposta autentica di una vocazione vera alla chiamata di Dio. Dio viene a ratificare questa scelta, che facciamo personalmente, ma che è fatta sotto il Suo sguardo per poter imparare ed insegnare l’arte di amare. Come dice Papa Francesco, il primo ostacolo da superare è non aver paura di mostrare la tenerezza che ogni uomo ha nel cuore per offrirla ai fratelli. In tutte le pagine del Vangelo si incontra Gesù che serve e si prende cura dei suoi fratelli. Anche Zaccheo ha capito le parole di Gesù nel corso di quell’incontro di cui nessuno conosce i contenuti. Tuttavia, quando questo dialogo intimo con Gesù è terminato, egli paga il quadruplo alle persone a cui aveva nuociuto e dona la metà dei suoi beni a coloro che ne avevano maggior bisogno. La carità è creativa. Ognuno di noi, una volta che sarà stato interpellato da Cristo, scoprirà il suo modo di servire. . . Accogliere l’altro e prendersi cura di lui è il secondo orientamento espresso nella lettera da Brasilia. Quando il Sacramento del matrimonio viene nella piena libertà, la coppia testimonia questa scelta accettando nella sua pienezza la propria storia d’amore, che non si esaurisce in se stessa, perché la coppia la vive e la condivide con altri. Cominciamo prima di tutto da noi, laddove tutto è rapporto d’Amore: a cominciare dai più fragili, i bambini, i malati, i problemi con un figlio, tutto ci sfida a donarci senza condizioni, perché partecipiamo con audacia alla Storia della Salvezza. Se tutta  la  comunità fa parte del popolo di Dio, dobbiamo allora avere la preoccupazione di rendere il nostro tempo, un tempo compiuto. "Maestro buono, cosa devo fare per ereditare la vita eterna?" Imparare a sentire col cuore di Gesù può richiedere tempo, ma imparare a vedere tutti coloro che sono invisibili nella nostra società è un esercizio che va fatto con gli occhi del cuore. Possiamo riuscire a organizzarci con coraggio per avere il tempo per il lavoro e per il riposo, il tempo per la famiglia, il tempo per il silenzio e per la preghiera, il tempo per il servizio agli altri. Gesù diceva ai discepoli che, nella sua epoca, il Regno di Dio era già su questa terra. Neanche noi abbiamo bisogno di altri segni, diversi da quelli che già sono presenti, per provare che il tempo è venuto! Il Signore è già tra noi. Si prende cura di noi e ci guarisce con il Suo Amore. Questo Tema “Osare il Vangelo: accogliere gli uomini e prendersi cura di loro” appare come una sfida per ognuno di noi, per ogni coppia, per ogni équipe per imparare a vedere e ad agire con gli occhi del cuore, nella propria realtà attuale. Partiamo dunque, le mani nelle mani di Maria, per portare a termine ciò che ci dirà nella nostra realtà attuale! 
To e José Moura Soares Coppia Responsabile dell’ERI




Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.