IL RICORDO è MEMORIA

A 40 anni dal sisma del 23 novembre 1980 è doveroso oggi fare memoria nella preghiera e nel ricordo, delle vittime del sisma del 23 novembre 1980 e delle drammatiche situazioni di quei giorni, di tante storie interrotte, lacerate, cambiate per sempre. 

“Santità, tra tanti lutti e tanta sofferenza, la gente non prega più!”. Così un cronista aveva detto a Giovanni Paolo II subito accorso a Balvano, dove decine di donne, uomini e soprattutto bambini, erano stati travolti dalle macerie della chiesa parrocchiale; ma il Papa cogliendo il nesso con il crollo della chiesa aveva risposto: “Non è vero che non pregano, la loro sofferenza è preghiera” . . . E poche settimane dopo il vescovo di Potenza, mons. Giuseppe Vairo, gli faceva eco affermando: “Solo la Croce può illuminare l’oscura tragedia che ci ha colpiti . . . nel grido del Crocefisso c’è anche l’urlo di tanta gente che si è trovata priva di ogni sostegno, colpita negli affetti”.
                                                                                                                               
Anche papa Francesco, ieri 22 novembre 2020, dopo l'Angelus ha ricordato quanto accaduto con queste parole:

''Desidero inviare un pensiero speciale alle popolazioni della Campania e della Basilicata, a quarant’anni dal disastroso terremoto, che ebbe il suo epicentro in Irpinia e seminò morte e distruzione. Quarant’anni già! Quell’evento drammatico, le cui ferite anche materiali non sono ancora del tutto rimarginate, ha evidenziato la generosità e la solidarietà degli italiani. Ne sono testimonianza tanti gemellaggi tra i paesi terremotati e quelli del nord e del centro, i cui legami ancora sussistono. Queste iniziative hanno favorito il faticoso cammino della ricostruzione e, soprattutto, la fraternità tra le diverse comunità della Penisola.''                                                                                                 [Papa Francesco, Angelus 22 novembre 2020]

                                                                                                                                                        

Vogliamo pregare, con questa ninna nanna speciale cantata da un nostro CS dell'equipe Potenza 6,  per tutti gli angeli bambini che quella sera sono ripartiti al Signore.





Visita anche

Ninna Nanna



Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.