Lesbo, le suore scalabriniane al fianco di migranti e rifugiati

Tra le tante mani tese a chi si rifugia in quella zona di confine che è l’isola greca di Lesbo, raggiunta dai migranti e rifugiati dopo viaggi interminabili, sfiancanti e pericolosissimi, ci sono quelle delle suore scalabriniane. Per loro, il cui carisma è il servizio evangelico e missionario ai migranti, essere a Lesbo significa "servire il Cristo Pellegrino, il Cristo migrante". La loro presenza si inserisce nel contesto dell’attività solidale estiva, fino al 31 agosto, portata avanti dalla Comunità di Sant’Egidio accanto ai profughi del campo denominato Moria 2, dopo l’incendio che nel settembre scorso ha distrutto quello di Moria e che, ad oggi, ospita circa 4.500 persone, che vivono in tende e container collocati lungo il mare.


A Lesbo c’è un continuo allarme a cui tutti dovrebbero rispondere, spiegano le scalabriniane, chiamate in aiuto di tutti coloro che continuano ad affollare le rotte del Mediterraneo e la cui attività missionaria, sull’isola greca, non solo è in risposta ai bisogni concreti, ma anche a quella ricerca di conforto di chi ha perduto tutto, soprattutto le persone più care. “Come suore scalabriniane – racconta suor Patrizia – qui a Lesbo siamo una semplicissima goccia d'acqua nel vasto oceano, il nostro ruolo è quello di donare un sorriso, la nostra amicizia, di donare amore”. Prima di arrivare a Lesbo, Patrizia era emozionata, si era informata attraverso la Comunità di Sant’Egidio, aveva guardato alcune foto, ma non avrebbe mai immaginato ciò che ha trovato.  “Quando sono arrivata qui all’isola e mi sono avvicinata al campo, vedere quelle inferriate, il filo spinato, vedere la polizia ai controlli, mi ha molto ricordato il campo di Auschwitz. Ho avuto un sentimento di tristezza perché vedo che la situazione qui è molto complicata. Sebbene i migranti, i rifugiati, i profughi, siano posizionati sul lungomare, bisogna dire che una zona molto calda, con oltre i 45 gradi, un caldo molto asfissiante, è faticoso vivere in questi container che sono piccoli e nei quali si trovano 8/9 persone”. 


Laddove vengono gettati i giubbetti salvagente, le suore hanno preparato un angolo per la preghiera, è lì che chiedono a Dio di aiutare tutti coloro che si trovano costretti a migrare. “Noi possiamo offrire – aggiunge la scalabriniana – soltanto il nostro sorriso, nonostante le mascherine”, perché sono gli occhi a parlare di un futuro di speranza. E tutto questo anche per rispondere alla richiesta di Francesco, che a Moria andrò cinque anni fa, di andare verso le periferie umane, di essere Chiesa in uscita. “Il nostro carisma si impegna a seguire ciò che il Papa anche desidera e ci indica di accogliere, di promuovere, di integrare e di proteggere”, quattro verbi che le religiose portano nel cuore, impegnandosi ad attuarli nel loro quotidiano, ma che non impediscono a suor Patrizia di porsi un drammatico interrogativo: “Mi chiedo perché, oggi, nel primo mondo che è l’Europa, ci sia ancora tutta questa difficoltà, questa situazione complicata, disastrosa e poco umana, che l'Europa non considera”.

,




Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.